Il prestito BancoPosta Online per la clientela retail è un finanziamento rivolto ai correntisti BancoPosta Online che hanno la possibilità di richiedere fino a 30.000 euro mediante un semplice click, senza neanche recarsi nell’ufficio postale più vicino.

Questo finanziamento è utile per soddisfare un’imprevista esigenza, per sostenere spese di ristrutturazione della propria abitazione oppure per essere di aiuto ai figli o semplicemente per disporre di maggiore liquidità.

La procedura di richiesta e concessione di tale prestito è al 100% online con Firma Digitale, quindi, il cliente può gestire la sua domanda di finanziamento e andarne a verificare lo stato di avanzamento direttamente dal proprio dispositivo elettronico.

Con Prestito BancoPosta Online il correntista potrebbe richiedere un importo che oscilla dai 1.500 a 30.000 euro. Il prestito potrebbe avere una durata che oscilla fra i 12 e gli 84 mesi, l’erogazione avviene in una soluzione unica soluzione mediante accredito diretto su conto BancoPosta invece per il rimborso la rata mensile è costante con addebito diretto sul conto BancoPosta del richiedente.

Prestito BancoPosta online: chi lo può richiedere

Il prestito BancoPosta può essere richiesto da persone fisiche che sono titolari di un Conto BancoPosta che hanno attivato il remote banking, residenti in Italia e che hanno un reddito da lavoro oppure da pensione dimostrabile derivante da un’attività lavorativa svolta in Italia.

Documenti

I documenti da allegare alla domanda di prestito sono:

  • Valido documento d’identità.
  • Busta paga, un modello Unico oppure anche un cedolino della pensione.
  • Il codice fiscale..
  • Il documento di regolarità del soggiorno per i cittadini stranieri

Erogazione del prestito

La concessione di Prestito BancoPosta online è soggetta alla valutazione ed anche all’approvazione del finanziamento che dopo l’esito positivo avviene mediante accredito diretto sul Conto BancoPosta del richiedente.

Il rimborso delle rate mensili costanti, si effettua mediante addebito diretto su Conto BancoPosta. Il cliente ha a disposizione due settimane da quando viene concesso il prestito per poter esercitare il diritto di recesso.…

Quando si decide di acquistare un immobile, generalmente si accende un mutuo per fronteggiare alla compravendita e sicuramente scegliere il finanziamento adatto alle proprie esigenze non è certamente semplice.
Quando si acquista la prima casa e si decide di chiedere un mutuo, il finanziamento quindi, sarà dedicato a chi non ha nessun tipo di abitazione, né vincoli con altri immobili. Questo rappresenterà il primario requisito per poter usufruire di sgravi fiscali.
Nel dettaglio, è prevista la detrazione del 19% degli interessi per appartamenti che non abbiano una dimensione maggiore a 90 mq di metratura e che non abbiano caratteristiche di lusso. Con il mutuo prima casa, inoltre, l’appartamento dovrà avere un’ubicazione nel medesimo comune in cui il soggetto che beneficia del mutuo risiede oppure dove lavora.
Tra le sostanziali diversità fra i mutui per prima e seconda casa, occorre considerare certamente l’aspetto delle agevolazioni fiscali.
I fattori delle agevolazioni, come si evince da agevolazioni mutui casa su guida-mutui.it sono:

  • tasso agevolato;
  • detraibilità dall’imposta sul reddito degli interessi e degli altri oneri accessori nella massima misura del 19%;
  • Imposta sostitutiva agevolata: 0,25% dell’importo finanziato rispetto a 2% previsto per la seconda casa.
  • accesso, per le giovani coppie oppure i nuclei familiari monogenitoriali con figli minori al “Fondo per l’accesso al credito per l’acquisto della prima casa” istituito recentemente.

Il mutuo per acquistare la seconda casa non presenta questi vantaggi fiscali, ma è previsto un onere fiscale del 2% sull’importo ottenuto.
Un cliente ha la possibilità di scegliere la richiesta di un mutuo pure per la costruzione della la prima casa. In tal caso il finanziamento verrà erogato per realizzare una casa che dovrà avere l’ubicazione su di un terreno di proprietà del soggetto richiedente. Il mutuo costruzione casa, rientra nella tipologia di mutuo prima casa, e quindi gode delle medesime agevolazioni fiscali con l’unica differenziazione per l’erogazione del capitale.
Difatti, con il tradizionale mutuo prima casa, il capitale è versato direttamente sul conto corrente del beneficiario del mutuo così che possa effettuare il saldo del debito con il proprietario dell’immobile, in tal caso il finanziamento viene erogato in base allo stato dei lavori ed in seguito ad una perizia di un tecnico.…

Tra i meccanismi scelti nel campo dell’affiliate marketing spicca anche il Pay per Lead che è uno dei sistemi usati per poter guadagnare on line. Tecnicamente significa “pagamento per performance” ed è una modalità di pagamento connessa ad un sistema di pubblicità su internet.

Tale guadagno avviene solo con il raggiungimento di una specifica azione sul web, per cui si riceve un compenso ogni volta che l’utente compie quell’azione per la quale è stata concordata la ricompensa tra le due parti in oggetto. Il più delle volte consiste in una registrazione, quasi sempre gratuita, sul sito pubblicizzato. A differenza degli altri meccanismi di pagamento è il più remunerativo e in alcuni casi è il meno semplice. Infatti è sconsigliato per siti con argomenti non pertinenti al tipo di azione specifica richiesta e con un numero di visitatori inferiore alla media.

Vero però che il Pay per Lead consente di guadagnare delle interessanti cifre soprattutto a chi sa perfettamente come suscitare interesse sulle proprie pagine. Tra le migliori affiliazioni che prevedono un Pay per Lead spiccano: SprinTrade che è uno dei migliori network italiani con decine di campagne paganti per lead, laddove la sua credibilità deriva dalla puntualità assoluta nei pagamenti; Zanox è uno dei maggiori programmi di affiliazione europei e infatti mette a disposizione di centinaia di inserzionisti, molti dei quali connessi con delle aziende di fama internazionali; Netaffiliations è uno dei affiliate marketing che prediligono queste forme di pagamento basate sul raggiungimento di un obiettivo specifico molto più remunerativo del Pay per Click.

Il Pay per Lead sta ottenendo un graduale riscontro positivo perché è basato il più delle volte sull’ottenimento di una registrazione gratuita al sito che molti utenti effettuano perché è meno impegnativa di uno specifico acquisto e può essere in ogni momento rimossa annullando l’iscrizione al server.

Fonte: http://monetizzare.com/fare-soldi-online-senza-investire.html

Per chi ha deciso di dedicare parte del suo tempo e delle sue energie al trading online e si è già creato un conto con un broker professionale come 24 option, è pronto a partire. Il prossimo passo da compiere è scegliere una strategia efficace e, per quanto riguarda le opzioni binarie, la strategia Macd sembra l’ideale.

Macd rappresenta l’acronimo di Moving Average Convergence Divergence (cioè “combinazione di medie mobili esponenziali) ed è un indicatore di mercato utilizzato sia da coloro che sono alle prime armi per via della sua semplicità e intuitività, sia da trader più esperti. Si rivela molto utile soprattutto per le entrate e uscite nel mercato in periodi brevi.

Con questo tipo di strategia che si può applicare sulla piattaforma di 24option, il trader ha il vantaggio di non dover effettuare alcun tipo di calcolo poiché il Macd mostra i risultati da solo tramite un grafico che segnala sia gli acquisti che le vendite.

Per capire come funziona, però, bisogna imparare che il grafico che si può ottenere con 24option si costituisce da 3 medie mobili: la prima, veloce, caratterizzata da 12 periodi; la seconda, lenta, che ha 26 periodi e l’ultima costituita da 9 periodi che si chiama linea di segnale e che va confrontata alle altre due. Le prime due medie, sottratte tra di loro, creano il Macd. Nella pratica, sul grafico saranno osservabili però solo due linee, il Macd e la linea di segnale.

Come capire quando acquistare le opzioni binarie? Innanzitutto bisogna chiarire il concetto di opzioni Call e Put, a volte anche tradotte in italiano con Alto e Basso. L’opzione Call va acquistata quando il valore del bene (o meglio il suo andamento nel grafico) risulta in salita, mentre se è in discesa si acquisterà l’opzione Put.

Per capire se l’andamento è in salita o in discesa, basta osservare la linea di segnale: se attraversa la linea Macd dall’alto verso il basso, si ha un segnale di vendita, perciò si acquisterà un’opzione Put. Se viceversa, la linea di segnale attraversa la Macd dal basso verso l’alto, e quindi si ha un segnale di acquisto, si acquista un’opzione Call.

Tutto questo deve compiersi entro una scadenza che è segnalata in base al time frame del grafico di 24option. Il consiglio, come sempre, è quello di valutare con attenzione le operazioni e di massimizzare i profitti.…

Scroll To Top